Let’s fall in diamonds

20171012_122541

Oggi sono stato al vernissage per la stampa di “Let’s fall in diamonds”, un’installazione nell’atrio del casino di Montecarlo.
Da domani tutti potranno vederla, si entra liberamente in questo ambiente di qualche centinaio di metri quadrati che sembra fatto dal Cappellaio Matto!

20171012_120710

In effetti assomiglia al cappellaio matto di Alice nel Paese delle Meraviglie Charles Kaisin, un artista belga che ha rivestito di tessuto con i colori dei Grimaldi tutti i mobili di una casa immaginaria, tutta bianca e rossa a losanghe: letto, divani, pareti, libreria, libri e bicchieri e teiere.

20171012_120241

Fa uno stranissimo effetto optical monegasco! Un ambiente che sarà aperto al pubblico fino al 7 dicembre. Quindi se passate dalla piazza del Casinò entrate liberamente nell’atrio.

20171012_112748

vi potete riposare sui divani, sedervi a tavola… In fondo a sinistra c’è un bar aperto dalle 10 del mattino. E poi dovete farla anche voi la foto simbolo di questa installazione di Charles Kaisin, cioè dentro una vasca da bagno di quelle antiche.

20171012_122338

e anche quella naturalmente tutta rivestita di losanghe dei Grimaldi, bianche e rosse! Per giocare un po’ con l’arte visto che siete in un casinò dove c’è l’arte del gioco!

20171012_120454

Pubblicato in Arte&Cultura Taggato con: ,

Quando lo spot è geniale

NAPOLI

Ci sono spot che meritano di essere visti con attenzione. Questo nuovo della CRAI avrebbe potuto essere uno dei miei preferiti nel Carosello. Peccato che all’epoca il massimo dell’animazione fosse bidimensionale e in bianco e nero! Questo è pieno di colore e fantasia, con alcune trovate geniali, spero che piaccia ai bimbi di oggi e che lo possano ricordare una volta diventati adulti. Buon viaggio tra le cose buone del nostro paese.

Pubblicato in Senza categoria

Monaco Yacht Show 2017

Pubblicato in Eventi, Monte Carlo lifestyle

Giornate Europee del patrimonio

villa

Il prossimo week end 23 e 24 settembre ricoreranno le Giornate Europee del patrimonio. Sono state istituite nel 1992 con una convenzione dell’Unione Europea.

villa5

Il prossimo fine settimana si potranno visitare dei luoghi che solitamente non sono accessibili al pubblico. Il tema dell’edizione 2017 sarà Cultura e Natura, argomento molto green.

Chateau des Terrasses

Chateau des Terrasses

Venerdì sono andato a visitare una villa qui vicino, a Cap D’Ail, che è soprannominata la Bella Addormentata perchè è una villa Belle Epoque chiusa da tempo. I giardini però sono aperti al pubblico, l’indirizzo è Av. Gen DeGaulle 1, vicino all’ufficio postale. Dalla strada non avrei mai immaginato un luogo così….fiabesco!

villa2

Lo Chateau des Terrasses era la villa di un banchiere inglese, quattro piani che dominano il mare dalle parti della spiaggia della Malà. Costruita nel 1885, la villa per molti inverni è stata abitata dal fratello dello Zar Nikola, Alessandro, che veniva a svernare con una parte dei Romanoff.

villa3

Quindi vi lascio immaginare che splendore di arredi, che tavole imbandite! E poi arrivavano ospiti illustri a far visita ai Romanoff: la Regina Victoria, la regina d’Inghilterra che passava l’inverno a Mentone. E poi il Principe Alberto I di Monaco, il principe esploratore, che raccontava dei suoi viaggi di ricerca scientifica con la nave Hirondelle, nello Svalbard, le ultime terre prima del Polo Nord.

villa4

La villa le Chateau des Terrasses è aperta in questi giorni, con i saloni del primo piano arredati con molto gusto da due interior designer italiani, Paolo e Tullia Canciani. Sarà visibile tutta, fino ai piani superiori che sono vuoti, solo sabato 23 per le giornate europee del patrimonio, a Cap d’Ail.

Pubblicato in Arte&Cultura Taggato con:

Meet the hairmaster Rossano Ferretti

Pubblicato in Monte Carlo lifestyle Taggato con: , ,

Una notte all’Hotel Angst

l'Hotel Angst in una riproduzione della Belle Epoque

l’Hotel Angst in una riproduzione della Belle Epoque

Voglio raccontarvi la storia di un hotel fantasma. Ci sono passato davanti tante volte scendendo dalla Via Romana a Bordighera.
E mi sono sempre chiesto che storia ci fosse dietro un edificio così sontuoso eppure lasciato all’abbandono.

angst1

Si chiamava Hotel Angst, dal nome del proprietario Adolf Angst, un imprenditore svizzero. Angst in tedesco significa Paura. Il palazzo venne costruito in piena Belle Epoque, alla fine dell’800, aveva dei bellissimi giardini intorno, era un po’ in alto sulla collina.

angst2

L’Angst divenne ben presto il più lussuoso albergo della città con 180 stanze, salone per i ricevimenti, sala da concerti, sartoria e salone di bellezza per signore. E c’è una leggenda: Adolf Angst comprò tutte le proprietà intorno per avere un parco di 35.000 metri quadrati con alberi e palme.

agnst12

Ma c’era una vecchia signora che non voleva vendere al ricco svizzero la sua casetta col giardino. Stranamente la casa della signora Ghella andò a fuoco, con lei dentro…forse! Perchè il corpo non venne mai ritrovato. 
Da quel giorno si racconta che gli ospiti dell’albergo sentissero spesso strani rumori e che le porte si aprissero e poi sbattessero.

angst7

E ogni mattina dicono che Adolf Angst trovasse ai piedi del suo letto sottili capelli color argento. Insomma, una presenza! L’hotel con la Prima e la seconda Guerra Mondiale entrò in crisi, fu trasformato in ospedale militare. Il proprietario Adolf Angst morì nel 1924.

agnst13

L’hotel oggi è in rovina ma dicono che ogni tanto si vedessero figure femminili affacciate alle finestre. E c’è il progetto di ristrutturarlo e farne un residence.

angst6

Di sicuro è un posto spettrale ad oggi: scendi dall’autostrada in mezzo a villette e giardini per l’antica via romana e ti ritrovi sulla sinistra questo grande edificio slabbrato e cadente…l’Hotel Paura! A Bordighera.

Pubblicato in DailyRadio, Racconti

Palawan, l’isola più bella del Mondo

palawan-palawan-island

Palawan per il terzo anno ha ottenuto il titolo da Travel Awards. Si trova nelle Filippine, bisogna volare a Manila e poi proseguire in traghetto verso sud.

Palawan-0075-915x515

In questo paradiso terrestre hanno girato diverse scene di “The Bourne Legacy”, e di “007 – Il mondo non basta”.

palawan-el-nido-phillipines

Probabilmente li avete visti quei paesaggi, per esempio El Nido: un insieme di isolotti corallini con baie nascoste, sulla punta settentrionale dell’isola di Palawan.

Palawan-Island-Philippines

Immaginatevi faraglioni di basalto nero grandi come quelli di Capri coperti di vegetazione tropicale, piantati in un mare color smeraldo, con spiagge bianchissime e alle spalle colline coperte di foreste, dominate dal monte Mantalingajan che raggiunge i 2.085 metri.

palawan_philippines

E sotto una di quelle colline scorre il più lungo fiume sotterraneo al mondo navigabile, patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

Palawan-in-the-PhilippinesUnderground-River-in-

Palawan venne scoperta da Magellano che vi sbarcò nel 1521 e la chiamò nelle sue carte geografiche Pulaoan. Si trova proprio sulla punta meridionale delle Filippine, al confine con la Malesia. Palawan è rimasta sconosciuta ai turisti e al mondo intero fino a quarant’anni fa! Era abitata da una tribù perduta con cui il primo contatto è stato nel 1978.

palawan-

Speriamo che non venga rovinata dal turismo di massa….anzi: io non vi ho detto nulla, neh!

Pubblicato in Chi viaggia fa colpo, Natura Taggato con: , ,

Navagio

zante

Zante è un’isola di 40.000 abitanti nel Mar Ionio. Praticamente sulla cartina da Catanzaro guardando dritto verso la Grecia arrivi a Zante. Zante ha una delle più belle spiagge della Grecia e di tutto il Mediterraneo. Si chiama Navagio (Naufragio), è incastonata fra 2 pareti di roccia bianca con davanti una piccola baia dall’acqua cristallina e adagiato sulla sabbia bianca dal 1980 c’è un relitto.

greece_zante_navagio3-640x427

La storia è da raccontare. Il relitto era la motonave Panayotis partita dalle coste della Turchia con un carico di sigarette di contrabbando. Siamo al 1° ottobre 1980. Per sfuggire alla Guardia Costiera greca e al maltempo in arrivo i contrabbandieri si infilarono nella notte nella piccola insenatura. Ma la mattina seguente si ritrovarono arenati in una secca creata proprio dalla tempesta! Il mare in burrasca aveva portato un banco di sabbia sotto la motonave.

zakynthos4_shipwreck-beach-zakynthos-zante-21365756472

Con il tempo, la risacca ha continuato ad accumulare sabbia sotto lo scafo creando questa bellissima spiaggia bianchissima che da quasi trent’anni richiama i turisti e che una volta non esisteva. Adesso Navagio a Zante è la spiaggia più fotografata di tutta la Grecia! Ha l’acqua che si colora di azzurro elettrico per via delle grotte sulfuree che contornano la baia.

images

Anche il relitto della Panayotis è stato in parte ricoperto dalla sabbia, e per vederla anche dall’alto della scogliera hanno costruito una passerella con terrazza a metà strada fra due paesini.

-navagio-in-zakynthos

Pubblicato in Chi viaggia fa colpo

La Città Proibita

Pubblicato in Arte&Cultura, Monte Carlo lifestyle

#tapasday

tapas2

Le tapas sono nate nel sud della Spagna, dove gli osti coprivano con un piattino le brocche di vino per proteggerle dai moscerini; tapar è il verbo. Ma per richiamare l’attenzione dei clienti, nei piattini che tappavano le brocche mettevano olive, pezzi di formaggio o di prosciutto e avanzi di frittata, per dire: se compri da bere ti do qualcosa da mangiare. Ed è così che le tapas sono diventate un modo economico per mangiare qualcosina, oltre che bere.

tapas

Poi il rito del tapear si è diffuso in tutta la Spagna: ogni regione ha le proprie tapas, preparate in base agli ingredienti locali e accompagnate dal proprio vino d’origine. Oggi, in Spagna, le tapas si consumano in piedi, alla barra, al bancone, chiacchierando con gli amici e spostandosi di locale in locale per gustarne sempre diverse.

tapas4

Io a Barcellona sono andato in un posticino da tapas gourmet nel Raval, invitato dall’amico Enzo e mi sono presentato a mezzogiorno, che era come andare per far colazione! A Barcelona si mangia alle 3 del pomeriggio. E si esce alle cinco de la tarde dopo averle provate tutte. E quindi domani che è La giornata mondiale delle tapas, vi dico che è un’ottima occasione per tapear! Seguite #tapasday e troverete per esempio a Milano oltre una dozzina di locali che fanno tapas speciali e prezzi speciali per celebrare la giornata mondiale delle tapas. Ma anche a Roma, Napoli e Bologna…vamos tapear!

tapas2mappa

Pubblicato in DiMaggio all'assaggio Taggato con: , , ,


Categorie

Archivi