Scusi, da che parte è Aqtöbe?

mi 8

Un enorme elicottero militare, un Mi 8 sovietico…. che è atterrato in mezzo ad una superstrada in Kazakistan, mentre imperversava una tempesta di neve. Stava arrivando un convoglio di camion e l’elicottero gigantesco, con le pale che sono lunghe 21 metri tanto per dare un’idea, è atterrato bloccando i camion. Un soldato è sceso dall’elicottero ed è andato al finestrino del camion in cima alla fila chiedendo: scusi da che parte è Aqtöbe? E il camionista glielo ha indicato. Il soldato ha ringraziato, è risalito bordo e l’elicottero è decollato. Il tutto in mezzo ad una tempesta di neve e tutto documentato da un video girato da un camionista con lo smartphone. Ovviamente il video ha cominciato a girare sui social, tanto che il ministero della Difesa del Kazakistan ha dovuto fare un comunicato spiegando che si è trattato di “un’esercitazione sull’orientamento pianificata” nella quale i piloti cadetti dovevano determinare la loro posizione…. annnamo bene!!! Se ti perdi atterra e chiedi al primo camionista che è meglio!

Pubblicato in Chi viaggia fa colpo Taggato con:

un viaggio di San Valentino

San Valentino nell'Atollo di Ari - Maldive

San Valentino nell’Atollo di Ari – Maldive

San Valentino vi ha acceso il romanticismo? Non è mai troppo tardi per sognare un viaggio di San Valentino, da fare magari il prossimo anno. Io penso che un viaggio romantico non debba essere da soli soli, ci vogliono le giuste occasioni per socializzare in coppia ma senza essere in mezzo ad una bolgia. Per cui escluderei la crociera su grandi navi, ed escluderei anche i soggiorni su isole sperdute in atolli paradisiaci, dove mangi, nuoti, fai l’amore, mangi e di nuovo sesso, perchè non dico che non sia bello ma dopo un po’ ti esaurisci.

sanval - expr

Per me un bel viaggio romantico in due sarebbe in treno! Un treno dove rimanere per qualche giorno, a vedere il paesaggio da una cabina privata. Mangiare bene, prendere l’aperitivo con gente interessante, passare il tempo a leggere lo stesso libro e a farsi le coccole.

Eastern & Oriental Express

Eastern & Oriental Express

Ce ne sono per tutte le tasche di treni. Ma cominciamo dal più lussuoso: l’Eastern and Oriental Express che percorre 2000 km in 4 giorni e tre notti da Bangkok a Singapore. E’ un viaggio nel tempo, su carrozze con il pavimento in tek e i mobili in rattan, tutto molto elegante, servizio impeccabile.

SanVal express

Si pranza e poi dal vagone panoramico si guarda il paesaggio che scorre come una cartolina che non finisce mai: palmeti, bufali nelle risaie, fiumi. Si passa anche sul ponte del fiume Kwai, quello del film.

san valOK

Ma ce ne sono altri di treni. In Australia per esempio c’è il Ghan e non si spende molto in classe economica: in 54 ore si va da Darwin nel nord dell’Australia ad Adelaide passando due notti a bordo.

sanvalethe-ghan-2762-1

La notte meglio restare svegli a vedere il cielo perchè nel mezzo dell’Australia non ci sono luci, niente inquinamento luminoso e quindi c’è un cielo dove le stelle ti sembra di toccarle.

sanvale-The-Ghan-passenger-train-1280x853.jpg.pagespeed.ic.50EQnDNwQ7

E guardarle in due è la cosa più magica e romantica che ci sia! Non c’è bisogno di champagne: basta una birra in due, credetemi ragazzi!

Vienna

Vienna

E se non si ha il tempo e i mezzi, un romantico viaggio in treno parte dalla Centrale di Milano la sera e arriva a Vienna alle 7. Si visita la capitale austriaca per tutto il giorno e alla sera si riparte per Milano con l’ÖBB Nightje, il treno notturno delle Ferrovie Austriache con vagoni letto a prezzi ragionevoli.

sanvale OBB

A San Valentino non importa dove…importa con chi! Sarete d’accordo con me, no?

sanvale vienna

Pubblicato in Viaggi

Bocuse d’Or

Boxcuse d'Or, gli Oscar della gastronomia

Boxcuse d’Or, gli Oscar della gastronomia

La gastronomia internazionale si è riunita a Lione per la 30ma edizione dei Bocuse d’Or, il prestigiosissimo premio al miglior chef. I partecipanti hanno 5 ore e 35 minuti per creare un piatto a tema assegnato. Quest’anno per i 30 anni è stato scelto il « Poulet de Bresse aux crustacés », pollo con crostacei, da presentare impiattato alla francese. E’ la celebrazione della cucina francese per vedere se nel resto del mondo la fanno bene!

Bocuse-d-Or-2017

E il vincitore è stato uno chef americano, Mattew Peters, aiutato dal comis Harris Turone, secondo lo chef norvegese Davidsen e terzo un islandese, Andresson. Il concorso è stato creato nel 1987 dal famoso chef Paul Bocuse e si svolge ogni 2 anni all’Expo di Lione. Una giuria seleziona gli chef più promettenti del mondo, li invita nel tempio della gastronomia francese e assegna loro il piatto da preparare con i migliori ingredienti della tradizione francese. Mica scemi eh? I Francesi sanno come valorizzare la loro cucina e i loro prodotti del territorio.

Bocuse d'or2017

Bocuse d’or2017

Pubblicato in DiMaggio all'assaggio

#theDailyWalk 21jan

Pubblicato in #TheDailyWalk

Inauguration Day

Harrison
Nel 1841,l’insediamento è stato fatale ad un presidente degli Stati Uniti: il 9° presidente William H. Harrison prestò giuramento in un giorno di tempesta. Faceva molto freddo ma rifiutò di coprirsi con un mantello, perché era stato un generale e aveva basato la sua campagna elettorale sul fatto che lui era un duro uomo di frontiera, mentre il suo rivale Martin Van Buren, presidente uscente, aveva fatto mettere una vasca da bagno alla Casa Bianca, e fu per questo tacciato da Harrison come “dandy effeminato”. Così William Harrison pronunciò in giacchetta sotto la pioggia il suo discorso dell’Inauguration Day che durò 2 ore! Il più lungo della storia degli insediamenti. E alla fine del discorso, sgolandosi (non c’erano i microfoni nel 1841) si ritrovò malato. Non c’erano neanche gli antibiotici all’epoca e così il presidente Harrison morì un mese dopo. La sua presidenza fu la più corta della storia degli Stati Uniti d’America.

Pubblicato in News Taggato con: , , ,

Latte di dromedaria

Dromedario latte
La nuova bevanda alla moda in California, dove tutti sono salutisti da decenni, è il latte di dromedaria. E io che pensavo fosse una cosa affascinante da Tuareg che attraversano il Sahara e nelle soste bevono il latte delle cammelle! Due giovani businessmen, uno saudita e uno americano amish, si sono messi nel settore e hanno cominciato a farlo diventare alla moda tra gli hipster californiani.
dromedario-Milk_2 Il cappuccino? con latte di dromedaria, please. Latte che costa 36 dollari al litro! Crudo e non pastorizzato, da bere dalla bottiglia, è un toccasana. Sfrutta la richiesta di nuovi alimenti ricchi di energia e sani. Del resto è facile da digerire, sfida le intolleranze e le allergie e rinforza il sistema immunitario. È senza glutine ( mi stupirebbe il contrario), senza olio di palma, e può funzionare anche per chi segue le paleo-diete. dromedario-Milk
Va bene per tutti, almeno per quelli che possono permettersi di berne mezzo litro a 18 dollari Usa, contro un euro e mezzo quello di mucca. Ecco quanto costa un litro di latte, Ministro!

Pubblicato in News, Senza categoria Taggato con:

Blue Monday?

il sole del Capo fa brillare le case a Bo kaap

il sole del Capo fa brillare le case a Bo kaap


Il terzo lunedì di gennaio dicono sia il giorno più triste dell’anno. Gli anglosassoni lo chiamano il Blue Monday. Bisognerebbe poter andarsene un po’ a cercare i colori del mondo. Homeaway.com consiglia dove andare a riempirsi gli occhi di colori andando ad abitare in quartieri dove le case sono tutte colorate! Come a Cape Town. In questo momento è estate in SuAfrica, e a Città del Capo c’è sempre una luce fantastica, ha la solarità del Mediterraneo. E c’è il quartiere malese, il Bo-Kaap dove le case sono tutte dipinte di colori sgargianti. E’ ai piedi di Signal Hill, ti portano a vederlo perchè ormai è un’attrazione turistica, quelle sono case costruite dai primi lavoratori provenienti da India e Madagascar, che hanno usato i loro colori tipici per sentirsi un po’ a casa…
laboca-1 E poi un’altra città dove è estate adesso e c’è un quartiere coloratissimo è Buenos Aires! Dove uno dei quartieri più pittoreschi è La Boca. In origine è stato il rifugio di immigrati Genovesi, che gli hanno dato questo caratteristico aspetto variopinto, fatto di case con i colori sgargianti che si susseguono e si incastrano gli uni con gli altri.
LaBoca_ST_98 E’ da visitare La Boca e chi ci abita lo chiamano Xeneize, termine che significa Genovese. E’ un quartiere di Buenos Aires pieno di vita e di passione, oltre che di colori. Ma ci sono altri posti colorati nel Mondo per combattere il Blue Monday, il lunedì più deprimente dell’anno. Per non farsi prendere dalla depressione bisognerebbe andare alla Cinque Terre in Liguria.
Manarola

Manarola

A Manarola, per esempio: le case tutte appiccicate, a picco sul mare, con le facciate a tinte vivaci che contrastano con i colori scuri delle scogliere e che si riflettono sull’acqua del mare. Un paesaggio incantato unico al mondo!
Burano
Ma in Italia abbiamo anche Burano, una delle isole di Venezia che è caratterizzata da casette colorate. Burano è stata inserita da parecchie riviste internazionali fra le prime 10 città più colorate al mondo, anche se di vera e propria città non si tratta. A Burano hanno vissuto molti artisti e forse proprio per questo è un’esplosione di colori, con le facciate delle casette basse che si riflettono sull’acqua dei canali veneziani. Uno spettacolo! E a Burano il campanile è storto, e rende ancora più caratteristico il posto. Contro il Blue Monday bisogna regalarsi una vacanza all’insegna dei colori. 

Pubblicato in Arte&Cultura, Viaggi

#theDailyWalk 7 jan

La corona delle Alpi Marittime appena passato il confine italiano

La corona delle Alpi Marittime appena passato il confine italiano

Una passeggiata sul Mont Gros, da dove decollano i parapendio che punteggiano di colori il cielo azzurro di questi primi giorni di gennaio.

il panorama è stupendo salendo al Mont Gros

il panorama è stupendo salendo al Mont Gros

la donkey farm de la Coupiére

la donkey farm de la Coupiére

i parapendio scendono rasentando il vieux village di Roquebrune

i parapendio scendono rasentando il vieux village di Roquebrune

...e atterrano sulla spiaggia di Golfe Bleu

…e atterrano sulla spiaggia di Golfe Bleu

molto affollato il punto di decollo

molto affollato il punto di decollo

ecco la sequenza di decollo: si fa gonfiare l'ala dal vento...

ecco la sequenza di decollo: si fa gonfiare l’ala dal vento…

si cammina verso il punto di stacco...

si cammina verso il punto di stacco…

una breve corsetta...

una breve corsetta…

e si è in volo!

e si è in volo!

rivediamo ancora: gonfiare l'ala...

rivediamo ancora: gonfiare l’ala…

corsetta e decollo

corsetta e decollo

enjoy your fight!

enjoy your fight!

le fidanzate stanno a guardare

le fidanzate stanno a guardare

i camminatori arrivano alla vetta e osservano i parapendio partire

i camminatori arrivano alla vetta e osservano i parapendio partire

ti ricorderai di tornare a prendermi?

ti ricorderai di tornare a prendermi?

si sentono parlare tutte le linguie del mondo al decollo

si sentono parlare tutte le lingue del mondo al decollo

Pubblicato in #TheDailyWalk, Experiences Taggato con: , ,

#theDailyWalk 1°jan

Il primo giorno dell’anno 2017 ho attuato un programma fitness perfetto. Colazione con frutta (una mela Fiji e un’arancia Navel), a pranzo insalata di radicchio rosso e un uovo bollito a 60°. E poi una camminata fino al Vieux Village di Roquebrune. Fino a qui mi sono comportato in modo virtuoso, rispettando le promesse che ho fatto al mio corpo. Ora sono on air su Radio Monte Carlo fino alle 22. Ma mi preoccupa il dopo-lavoro. Con il calar della sera cresce la voglia di trasgredire, esce il lato oscuro, i vizi….per esempio mangiare qualcosa di consistente e saporito e bere qualcosa di forte.
Saprò resistere?
Seguitemi nella sfida che da oggi ho ingaggiato con me stesso e lo scoprirete!

la villa di Coco Chanell

la villa di Coco Chanell

i paraflies punteggiano il cielo

i paraflies punteggiano il cielo

e sfiorano i tetti del villaggio

e sfiorano i tetti del villaggio

cercando la corrente termica che li fa salire

cercando la corrente termica che li fa salire

il Vista Palace è in ristrutturazione

il Vista Palace è in ristrutturazione

i coppi ospitano minuscoli giardini pensili

i coppi ospitano minuscoli giardini pensili

il castello di Roquebrune è chiuso il 1° gennaio

il castello di Roquebrune è chiuso il 1° gennaio

Monte Carlo luccica nel sole

Monte Carlo luccica nel sole

l'oro è laggiù

l’oro è laggiù

che sia un anno d'oro per tutti!

che sia un anno d’oro per tutti!

l'oro di un tramonto non ha prezzo

l’oro di un tramonto non ha prezzo

Pubblicato in #TheDailyWalk

Natale a Monte Carlo

Il Babbo Natale luminoso di Saint Charles

Il Babbo Natale luminoso di Saint Charles

il Babbo Natale DiMaggio da Kalyna

il Babbo Natale DiMaggio da Kalyna

la banca che cambia colore...molto differente

la banca che cambia colore…differente ogni minuto

MYC Awards, i premi ai velisti

Yacht Club de Monaco Awards, i premi ai velisti

gli alberi luminosi sono sempre più di moda

gli alberi luminosi sono sempre più di moda

Xmas Riva allo YCM, con vin brulè e dolci

Xmas Wonderland allo YCM, con vin brulè e dolci

In piazza del Casinò una stazione sciistica d'antan

In piazza del Casinò una stazione sciistica d’antan

splende il sole sul Natale di Monte Carlo

splende il sole sul Natale di Monte Carlo

...e sul Roseto Princess Grace

…e sul Roseto Princess Grace

rosa rosae...

rosa rosae…

tombino Westworld (visto a Fontvieille)

tombino Westworld (visto a Fontvieille)

la neve sulle  boutique

la neve sulle
boutique

il Ba

Buon Natale!

Pubblicato in Chi viaggia fa colpo

Categorie

Archivi