Monte Carlo Polo Club new Lounge

Pubblicato in Monte Carlo lifestyle Taggato con: , , , ,

arriva il grande circo della Formula 1

Con Dave Carletti, il nostro fotografo di fiducia per i motori, riviviamo alcuni momenti dei passati GP di F1 a Monte Carlo. C’ero anche io un paio di anni fa a mettere musica al Villaggio della F1.

IMG_6918

IMG_6921

IMG_6950

IMG_6989

IMG_9448

IMG_9449

IMG_9452

IMG_9453

IMG_9454

IMG_9455

IMG_9456

IMG_9457

IMG_9458

IMG_9459

IMG_9460

IMG_9461

IMG_9464

IMG_9465

IMG_9466

Pubblicato in Experiences

grazie degli auguri!

Pubblicato in #TheDailyWalk

Fuerteventura

Pubblicato in Viaggi

Tennis torneo SAT

Pubblicato in TV Monaco Info live

Nessuno Escluso

Pubblicato in Monte Carlo lifestyle

#TheDailyWalk10

Pubblicato in #TheDailyWalk Taggato con: ,

#TheDailyWalk9

daily walking 9 (1)

Oggi è il terzo giorno di primavera e l’aria è ancora fresca dove c’è ombra. Il sole invece scalda che è una bellezza. Scendendo la scalinata nel tratto in ombra perenne che sovrasta la galleria ferroviaria, sento il tipico odore dei boschi sardi: lecci e querce e pecore. Le annuso prima ancora di vederle.

daily walking 9 (3)

Stanno pascolando all’interno del parco di Villa del Mare, la lussuosa proprietà che appartenne a Mobutu, il dittatore dello Zaire che una appropriata campagna stampa di glorificazione fece passare per un illuminato leader africano, molto trendy con la bustina di leopardo in testa e gli occhiali scuri alla Onassis. Un poeta africano, autore di liriche appassionate. Che scriveva qualcun altro. Lui era il solito profittatore africano che fece affluire i soldi in Svizzera dove oggi i suoi eredi si godono i miliardi fatti sulle spalle dei congolesi. Diamanti, uranio, petrolio, legni pregiati. Il Congo è ricco mentre i congolesi sono poverissimi, senza strade, senza ospedali, senza futuro, in mano al fronte di liberazione di turno, libero solo di arraffare a più non posso.

daily walking 9 (6)

Mentre cammino penso al libro che ho letto di Jo Nesbo, scrittore noire norvegese. Una parte è ambientata in Congo e ho scoperto che la dominazione belga è stata sanguinaria sotto Leopoldo II, il re dei belgi che aveva una villa qui in Costa Azzurra e uno yacht alla fonda nella baia delle Formiche davanti a Beaulieu.

pomo di leo

Si stimano ad un milione i morti tra la popolazione negli eccidi compiuti dagli sgherri di Leopoldo II. Tra i metodi di tortura c’era la Mela di Leopoldo, una pallina metallica da mettere in bocca all’interrogato. Con un scatto fuoriuscivano delle punte che ferivano palato e lingua. Con un secondo scatto le punte di allungavano di 5 cm perforando tutta la cavità orale e uscendo sulla faccia del suppliziato, che moriva soffocato dal suo sangue. Era un metodo di interrogatorio infallibile. Peccato che si perdesse sempre il primo soggetto. Ma dopo aver visto l’effetto della mela di Leopoldo, il secondo parlava di sicuro. Bhe, si tratta di un “artificio narrativo”, un oggetto che esiste solo nella fantasia dello scrittore. Ma il milione di morti congolesi purtroppo è vero.

daily walking 9 (4)

Cammino e penso a Bruxelles, in queste ore di ribalta mediatica…e all’“artificio narrativo”. Io ci avevo creduto subito alla Mela di Leopoldo. Ma cercando in rete ho scoperto che anche altri si erano posti il dubbio se esistesse un tale strumento. Bisogna sempre controllare i fatti e il giornalismo sensazionalistico di oggi non lo fa più. Tutto è veloce, bisogna sparare i titoloni. Io ero a Parigi ieri e l’aereoporto di partenza e quello di arrivo erano assolutamente tranquilli. Con più presenza di polizia e esercito, ma senza code e caos come li hanno descritti i media. Molti amici e familiari si sono preoccupati guardando la TV per i disagi che potevo subire. Ma gli aerei erano in orario e il security check senza code ed efficienti come al solito.

daily walking 9 (2)

Cammino e penso a quell’immenso palazzo di Giustizia di Bruxelles che ha l’aria inquietante e che domina la città come una cattedrale laica. Penso ai casi insabbiati di pedofilia di qualche anno fa, quelli del boia di Marcinelle, penso ai guantini neri dei poveri fessi che si sono fatti esplodere all’aeroporto, e anche ai poveri fessi che nella conferenza stampa irresponsabile di qualche giorno prima avevano fatto trapelare che Abdelslam stava parlando.

daily walking 9 (7)

E poi guardo i fiori e il mare. E il campo da tennis de La Residence du Cap, in mezzo ai pini marittimi. E mi fermo a vedere il tronco tagliato di recente di un giovane pino che aveva una ventina di primavere. Conto i cerchi corrispondenti alla crescita di ciascun anno e respiro il profumo forte della resina di conifera, come un nino da rua aspira la sua colla per non avere fame. E mi sento fortunato.

Pubblicato in #TheDailyWalk Taggato con: , ,

Gran Galà XIII MCFFC

Pubblicato in TV Monaco Info live

quella volta che ho incontrato Muccino

Pubblicato in TV Monaco Info live Taggato con: , ,

Categorie

Archivi